Revisione e collaudo

Norma sui collaudi
A norma dell’articolo 79 del Codice della strada, le automobili devono essere tenute in condizioni tali da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e le emissioni nocive entro i limiti stabiliti dalla legge.

Per questo motivo devono essere sottoposte a revisione a scadenze prefissate (articolo 80).
Dal primo gennaio del 2000, anche in Italia le revisioni rispettano le norme comunitarie: la prima verifica deve essere effettuata quattro anni dopo la prima immatricolazione, le successive ogni due anni.

Sanzioni
Chi viene colto a circolare senza aver sottoposto il proprio veicolo a revisione viene punito con una multa da circa 100 € fino ad un massimo di circa 500, e con il ritiro della carta di circolazione, che viene spedita all’ufficio del Dtt (Dipartimento trasporti terrestri, la ex Motorizzazione) competente sul luogo in cui è stata accertata l’infrazione e restituita soltanto dopo il superamento dell’esame.

Periodo
La revisione periodica di legge sono diventate le stesse per auto moto e scooter. La revisione periodica di un’auto, di una moto o di un ciclomotore deve essere effettuata per la prima volta dopo 4 anni dalla data di rilascio della carta di circolazione e poi una volta ogni due anni. La revisione deve essere effettuata entro l’ultimo giorno del mese di rilascio della carta di circolazione per i veicoli che vengono sottoposti a collaudo per la prima volta ed entro l’ultimo giorno del mese in cui è stata effettuata l’ultima revisione per tutti gli altri veicoli già revisionati.

Controlli da effettuare
Ecco di seguito i controlli espressamente previsti dal D.M. 408 del 6/8/1998, che si effettueranno in sede di revisione:

1. Stato meccanico, funzionamento dei freni e relativo impianto frenante
2. Efficienza e sicurezza sterzo e volante
3. Campo di visibilità conducente
4. Luci e impianto elettrico
5. Assi, ruote, pneumatici e sospensioni
6. Telaio ed elementi fissi del telaio
7. Equipaggiamenti del veicolo (cinture di sicurezza, triangolo, ecc.)
8. Inquinamento acustico ed atmosferico
9. Identificazione del veicolo (numero di telaio, targhetta identificativa del costruttore, targa).

Dopo l’ispezione si potrebbero verificare i seguenti esiti:

  1.  “REGOLARE”: il veicolo sarà idoneo a circolare fino alla prossima scadenza
  2.  “RIPETERE”: al veicolo sarà consentita la circolazione per un mese sempre che si sia provveduto al ripristino dello stesso, poi dovrà essere nuovamente sottoposto a revisione previa presentazione di una nuova istanza di prenotazione; se il motivo del “RIPETERE” riguarda: assi, freni, sterzo e sospensioni per circolare è necessario che a bordo del veicolo ci sia la dichiarazione di un’Officina che certifichi gli interventi eseguiti, con l’indicazione che gli stessi sono stati effettuati “a regola d’arte”.
  3. “SOSPESO”: il veicolo verrà sospeso dalla circolazione sino a nuova visita con esito “REGOLARE”, quando i difetti riscontrati saranno tali da compromettere la sicurezza della circolazione o tali da determinare inquinamento acustico ed atmosferico. In questo caso l’utente potrà condurre il giorno stesso della revisione il veicolo in officina e riportarlo presso il centro operativo presso il quale si svolgerà la nuova visita.

Dove effettuare la revisione
Presso la nostra officina avrete tutta l’assistenza necessaria per rendere il veicolo in ottime condizioni per la revisione, dalla prenotazione alla ricevuta di buono stato del veicolo.

Ci occuperemo di controllare con particolare attenzione, prima della revisione, le seguenti parti inerenti alla sicurezza: freni, ruote, pneumatici, sterzo, sospensioni, trasmissione, luci, segnalatore acustico, tergicristallo, telaio, cinture di sicurezza, triangolo, nonché anche il rispetto dei limiti di emissione allo scarico del motore sia per gli inquinanti che per il rumore, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *